Gravità: illusione o realtà?

La Gravità, o Interazione Gravitazionale, è una delle quattro Interazioni fondamentali
che governano l’universo.
È uno dei concetti più affascinanti della fisica, e anche uno dei più importanti pilastri della scienza moderna.
Esistono due interpretazioni della Gravità: una definita da Newton, il suo scopritore, e l’altra da Einstein, che ne rivoluzionò la concezione.
Ma cos’è veramente la realtà? Quali sono le sue interpretazioni? Ma soprattutto, chi aveva ragione? Einstein o Newton?

La Gravità di Newton

La Gravità è definita, nella Fisica Classica di Isaac Newton (suo scopritore), come una forza di attrazione reciproca tra due corpi.
L’Interazione Gravitazionale è la base della costruzione dell’intero universo: il sistema solare, le galassie, e tutti i pianeti sono basati sulla Legge della Gravitazione Universale scoperta da Newton:

“Ogni punto materiale attrae ogni altro singolo punto materiale con una forza che punta lungo la linea di intersezione di entrambi i punti. La forza è proporzionale al prodotto delle due masse e inversamente proporzionale al quadrato della distanza fra loro.”

Ma è veramente così? È veramente questa la gravità?

Fino un secolo fa, l’interpretazione classica della gravità (ovvero quella Newtoniana) era l’unica esistente.
Ma per nostra fortuna e per quella di tutta la scienza, l’entrata in scena di Albert Einstein ha cambiato tutta la nostra concezione della realtà.

La Gravità di Einstein

Per Albert Einstein, la faccenda si fa più complessa.
Immaginate l’universo come un grande tappeto elastico.
Se appoggiamo una palla da bowling sul tappeto avremo una deformazione del piano tale da influire su tutta la superficie del tappeto elastico.
Ecco: l’universo è un tappeto elastico. L’unica differenza è che uno ha due dimensioni, l’altro ne ha quattro.
Quattro?
Quattro dimensioni?
Nello spazio ne abbiamo tre: lunghezza, larghezza, spessore… e qual è l’ultima?
Il tempo.
L’universo è un grandissimo tappeto elastico quadridimensionale, un miscuglio dimensionale di spazio e tempo.
I pianeti, le stelle e i buchi neri, esattamente come la palla da bowling deformano lo spazio-tempo dell’universo, cambiandone la conformazione.
Quindi la Gravità è l’effetto della deformazione dei pianeti nello spazio-tempo, che attrae gli altri corpi verso l’origine della deformazione.
Ecco il motivo per cui le orbite dei pianeti sono ellittiche: l’ellissi è la forma geometrica più vicina ad una circonferenza che si può ottenere in un universo curvo!
La Gravità dunque dovrebbe essere una forza di illusione causata da una deformazione spazio-temporale!

Sul Concetto di Tempo

Se vogliamo riprendere la concezione Einsteiniana della Gravità, bisogna considerare la componente “tempo” all’interno della tessitura quadridimensionale dell’universo.
Abbiamo detto che l’universo è un tappeto elastico che ha una componente temporale.
Se un pianeta è posto nell’universo Einsteiniano esso produce sia una deformazione dello spazio, sia del tempo!
Questo vuol dire che il tempo scorrerà più lentamente dove la gravità è maggiore: il centro dei pianeti, il nucleo delle stelle, ma soprattutto il centro di un Buco Nero, la singolarità, saranno soggetti a questo “rallentamento”. In particolare, nel centro del buco nero il tempo è infinito, perché è talmente rallentato da fermarsi totalmente. (Più o meno come un lunedì a scuola).

In qualunque caso la si pensi la gravità è una delle forze più affascinanti della fisica, attraverso la comprensione della quale, l’uomo può avvicinarsi sempre più alla comprensione della perfezione della fisica e di tutta la scienza.

Luigi Marchese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...